L’era della tecnologia ha portato con sé importanti novità, anche nel settore della ricerca di un’occupazione, o più semplicemente della ricerca di un lavoro più soddisfacente. Tra i nuovi metodi usati per cercare lavoro, vanno segnalati i social network, sempre più usati dalle aziende per trovare i candidati ideali a ricoprire determinati ruoli.

Sono, come spesso accade per quanto riguarda le novità attinenti al mondo tecnologico, gli Stati Uniti a fare da apripista: da una ricerca condotta dalla piattaforma Jobvite risulta che oltre l’80% dei datori di lavoro utilizza i social network (LinkedIn in testa, ma anche Facebook e Twitter) per individuare i candidati ideali per la varie posizioni.

LinkedIn, in particolare, permette di creare una serie di contatti professionali tra gli iscritti: in buona sostanza, si tratta di una enorme banca dati, utilizzata da chi cerca personale per reperire con una relativa facilità le professionalità adeguate. Anche Facebook è abbastanza utilizzato dai datori di lavoro e da chi il lavoro lo cerca: sono nati, infatti, due gruppi specifici, denominati rispettivamente AAA Offro Lavoro e AAA Cerco Lavoro. I manager aziendali, oltre ad utilizzare i social network per individuare le figure professionali di cui necessitano le aziende, spesso li usano per completare il profilo dei candidati che hanno fatto giungere il proprio curriculum attraverso strumenti più tradizionali.

Per poter ottenere il meglio dalla propria presenza sui social network è necessario che coloro che sono in cerca di occupazione promuovano la propria immagine come se si trattasse di un vero e proprio “marchio”, mettendo in risalto le competenze e le conoscenze che si possiedono e facendo in modo che non ci siano incongruenze tra il proprio curriculum e il profilo che si inserisce sui social network. E’, altresì, importante che nelle mail inviate sia inserito il proprio URL di LinkedIn o Facebook per fare in modo che il proprio nominativo emerga anche nelle ricerche all’interno dei motori di ricerca. Seguire queste poche e semplici indicazioni può far sì che la propria presenza sui social network, oltre ad essere un passatempo di moda, diventi anche fonte di utilità per la propria vita lavorativa e professionale.