La lettera di referenze è un documento tra i più importanti da raccogliere nell’archivio personale insieme a curriculum e documenti vari.
Infatti, affiancandola alla lettera di presentazione, può dare una marcia in più al candidato che lascia il suo vecchio posto di lavoro per proseguire a far carriera in un’altra azienda: la lettera darà una impressione maggiormente positiva di voi e delle vostre capacità lavorative perché rilasciata direttamente dall’ex titolare o comunque da un vostro superiore col quale avete un rapporto giornaliero.

Qualunque lavoratore, non solo chi ha un contratto a tempo indeterminato, può richiedere una lettera di referenze e normalmente viene rilasciata senza alcun impedimento: le aziende hanno solitamente dei moduli pre formattati da compilare in maniera soggettiva.
Per questo motivo non dovreste preoccuparvi più di tanto anche se ogni realtà è a se e potrebbe comunque tornarvi utile sapere in cosa consista un documento di questo tipo.

In una normale e completa lettera di presentazione devono essere riportati

il nome del lavoratore

la data di inizio e fine del rapporto di lavoro

il tipo di mansione svolta

un encomio all’onestà e alle competenze dimostrate in azienda

il motivo per cui il lavoratore ha deciso di lasciare la vecchia occupazione

il dispiacere nell’aver perduto il lavoratore in oggetto

la disponibilità del titolare di fornire ulteriore dettagli in merito al lavoratore

Se vi dovesse servire, potete utilizzare questo modello di lettera di referenze presente su Guidelavoro.net come punto di partenza. Il documento deve essere ovviamente modificato per adattarlo alle proprie esigenze.

Non perdete mai nessuna delle lettere di referenze che riceverete durante l’intera carriera lavorativa; possono tornare sempre utili anche a distanza di qualche tempo.