Se state pensando di trasferirvi in Inghilterra per cercare lavoro, una delle prime cose da fare sarà quella di aprire un conto bancario. L’Inghilterra é una nazione con un alto tasso di immigrazione, difatti ogni anno e da tutto il mondo, in moltissimi si riversano in questa isola alla ricerca di fortuna. La maggior parte punterà ad andare a vivere nella capitale, Londra.

Se avete intenzione di trasferirvi in Inghilterra per cercare lavoro, sappiate che in questa nazione la nostra carta d’identitá non é ben accetta perché secondo loro facilmente falsificabile, e in più é un documento completamente scritto in Italiano. Dal momento in cui decidete di trasferirvi in questa nazione, sarà bene farvi un passaporto se non lo avete. Il passaporto vi servirà per sbrigare molte pratiche come, quella per aprire un conto bancario in Inghilterra. Esistono diverse banche ma le più famose e soprattutto, ben disposte ad aprire un conto corrente agli stranieri sono HSBC, Barclays, Lloyds TSB, Natwest. Visitando i loro siti web vedrete che quasi tutte offrono conti basici per stranieri, e quasi sempre a zero costo di apertura e mantenimento.

Ora mettiamo che siete appena sbarcati a Londra e volete aprirvi un conto bancario, per prima cosa dovete avere una residenza (proof of address come lo chiamano qui), ossia un indirizzo di casa di dove vivete, questo perché vi spediranno a casa la vostra debit card (una via di mezzo fra bancomat e carta di credito) assieme ai vari pin e documentazione. Lasciate stare le banche ultra-centrali come ad esempio intorno a Piccadilly, perché lí non perdono tempo ad aprirvi un conto bancario e vi vedrete rifilare un bel no secco.

Aprite il conto bancario in zone meno turistiche, molto probabilmente vi conviene aprirlo dove avete preso casa anche perché, di sicuro non avrete preso in affitto una stanza nel quartiere di Chelsea. Recatevi in banca con un passaporto e allo sportello dite che volete aprire un conto bancario, se sono impegnati vi daranno un appuntamento con un loro consulente per un giorno ed ora prestabilito. Cercate di essere puntuali, perché agli inglesi non piace aspettare, e andate anche ben vestiti.

Il consulente vi farà alcune domande generali del tipo sul perché siete in Inghilterra, se già lavorate e soprattutto vi chiederà per quanto avete intenzione di rimanere sul suolo Inglese. Attenzione qui rispondete for good perché se dite pochi mesi, o che non sapete, rischiate che non vi aprano il conto, questo perché sono in tanti gli stranieri che ogni anno arrivano, aprono un conto e poi se ne rivanno senza chiuderlo o lasciare recapiti per essere contattati altrove. Prendete un conto base senza costi di apertura.

Saprete subito se vi possono aprire un conto bancario in Inghilterra o no, quasi sempre non fanno problemi e ve ne aprono uno basico. Anche se trovate un lavoro ben remunerato, é praticamente inutile richiedere una carta di credito. In Inghilterra gli istituti bancari sono davvero restii a rilasciare una carta di credito e non solo agli stranieri, ma d’altronde questo non é un grande problema perché la loro debit card può tranquillamente farvi fare shopping online, prenotare viaggi e biglietti teatrali e molto altro ancora!