La ricevuta bancaria, nel linguaggio tecnico identificata come Ri.Ba., è uno strumento di pagamento, che consente di dilazionare il debito o credito secondo determinate scadenze prestabilite. Viene domiciliata presso la banca comunicata dal debitore, alla quale viene data disposizione di pagare alla scadenza.

All’atto dell’emissione della Ri.Ba., viene generato il saldo della partita del cliente, a fronte di titoli attivi in un sottoconto patrimoniale. Quindi la scheda cliente risulta chiusa, essendo il debito stato regolato dall’emissione della Ri.Ba. La scrittura in partita doppia verrà effettuata in questo modo: Da EFFETTI ATTIVI a CLIENTI.

Quando la Ri.Ba. viene presentata in banca, il sottoconto “Effetti attivi” sarà girocontato ad un sottoconto “Effetti all’incasso”. Quindi: Da EFFETTI ALL’INCASSO a EFFETTI ATTIVI Solitamente la banca provvede all’addebito di spese, che andranno registrate come oneri di presentazione Ri.Ba. in questo modo: ONERI PRESENTAZIONE RIBA a BANCA.

Alla scadenza della Ri.Ba, l’accredito del relativo importo verrà così rilevato: BANCA a EFFETTI ALL’INCASSO. Ecco, invece, la scrittura in caso di Ri.Ba. insoluta, quindi non pagata dal debitore: CLIENTE a BANCA. Le spese addebitate dalla banca saranno così rilevate: SPESE INSOLUTI CLIENTI a BANCA. In questo modo, il saldo CLIENTI verrà riaperto come partita da riscuotere.