Quanto valgono 20 centesimi? Apparentemente poco. o perlomeno è quel che ci dice la nostra percezione. In realtà le microspese hanno la stessa importanza delle grandi spese e meritano attenzione. Una piccola spesa ripetuta quotidianamente si traduce inevitabilmente nel tempo in un grande esborso economico. Per questo è di fondamentale importanza valutare le spese non soltanto nel momento in cui le compiamo ma anche nel lungo periodo.

Esempio, 354 euro per un week end a Parigi equivale alla spesa giornaliera di un euro ai distributori automatici di caffé in azienda.

Rispetto alle spese più consistenti le microspese passano solitamente inosservate. Riguardano consumi o servizi “usa e getta” ed è difficile gestirle razionalmente. Cosa fare per evitarle? La migliore tattica è imporsi un tetto max. giornaliero per le microspese, non spendere più di 2 euro per le microspese. Rispettando questa semplice regola limiterete la spesa annuale a 700 euro.

Quanto più virtuosi sarete nelle piccole spese e tanto più sarà il risparmio nel corso dell’anno.